L’epimerasi… questa sconosciuta

bollettino-editoriali

Penso che non ci sia stato enzima più discusso della epimerasi e negli ultimi 7-8 anni il nome di questo enzima è rimbalzato nelle menti dei ginecologi come degli endocrinologi come la data della scadenza per il pagamento dell’F24 del mese di luglio. Probabilmente è l’enzima più chiacchierato da quando l’oggetto clinico del discutere è la policistosi ovarica (PCOS). Ma cosa è questa epimerasi? è un “povero” enzima, uno dei tanti che il nostro organismo esprime in ogni singola cellula e che permette la trasformazione del mio-inositolo (MYO) in d-chiro inositolo (DCI). Detta così non si ha un grande effetto ma se si considera che dietro a questa trasformazione ci sta la perfetta funzione biologica dell’insulina, allora le cose cambiano.
Di fatto molta della ricerca sulla PCOS si è dedicata a chiarire il meccanismo fisopatologico che innesca la iperinsulinemia che è tipicamente presente non tanto nel 50-70% delle pazienti PCOS sovrappeso/obese ma anche nel 18-25% di quelle normopeso.
Questa esagerata produzione di insulina è compensatoria per una sorta di sordità dell’organismo alla insulina stessa per cui pur di mantenere i livelli normali di glicemia, l’organismo spara fuori dal pancreas dal 30 al 150% in più di insulina. Tecnicamente parlando, questo evento si evidenzia solo col carico orale di glucosio andando a dosare non tanto i livelli di glicemia che nella stragrande maggioranza dei casi sono più che normali (quindi niente diabete!) ma dosando sugli stessi punti della curva i livelli di insulina, che risulta spesso secreta in modo esagerato per fare stare entro i limiti della norma i livelli glicemici. Continua a leggere

Si può prevedere l’età di insorgenza della menopausa?

ABSTRACT
{ITA} L’età alla menopausa, come tutte le variabili biologiche, è distribuita in modo normale, con una mediana che si stabilisce intorno ai 51 anni. Il fattore che più ne condiziona l’insorgenza è la riserva ovarica, che risulta condizionata da diversi fattori sia di tipo genetico che acquisito. L’utilizzo di markers di riserva ovarica sia di tipo ecografico che ormonale sono in grado di fornirci in modo indiretto una misura molto attendibile della riserva ovarica. I markers di riserva ovarica sono stati utilizzati in modelli matematici per la predizione dell’età alla menopausa che ha conseguenze cliniche molto importanti sia per la salute globale della donna sia per la prognosi riproduttiva.

{ENG} Age at menopause, like all biological variables, has a normal distribution with a median of 51 years. Her main determinant is ovarian reserve, modified by genetic or acquired factors. Ovarian reserve tests, both biochemical and ultrasonografic, are realible markers of real ovarian reserve. Ovarian reserve markers are been used in statistic models to predict age at menopause, with important implications for women’s health and reproductive prognosis.

In questi mesi si parla di..

Cosa non fare e mangiare prima di un intervento chirurgico: la black list degli errori
Diabete: i giovani che ne soffrono hanno il cervello più piccolo
Vuoi ricordare meglio qualcosa? Fai ginnastica 4 ore dopo aver studiato
Il vaccino contro il papilloma virus compie 10 anni
Quanto devono dormire bambini e adolescenti? Ecco le nuove linee guida
Disordini alimentari: le ragazze con famiglie depresse e conflittuali sono più a rischio
Infezioni vaginali più probabili se c’è poca vitamina D
Come aiutare i figli ad avere un rapporto sano ed equilibrato con il cibo?
Gravidanza e farmaci: molte donne sovrastimano il rischio
Il varicocele va scoperto in tempo Asintomatico, può causare infertilità

1st International Congress on the Multidisciplinary management of pelvic floor diseases