GCD59, ovvero la novità riguardo al diabete gestazionale

Da sempre in quanto ginecologi, e quindi medici dediti alla cura ed alla preservazione della buona salute della donna, ci interessiamo di metabolismo e di tutto quanto ci orbita attorno. Di fatto, il mondo della “endocrinologia pura” ha recentemente dimostrato quanto questa nostra dedizione e perseverante passione della prevenzione sia più che corretta. Di fatto l’ambito della riproduzione è territorio assolutamente endocrino: i realeasing factors ipotalamici modulano e stimolano gli ormoni ipofisari che a loro volto stimolano la funzione ovarica e quindi portano all’ovulazione e con gli steroidi ovarici preparano l’utero alla eventualità dell’impianto dell’uovo fecondato.

Una bella storia, semplice, ma sappiamo bene quanto sia complessa. Ben lo sanno i ginecologi endocrinologi, cioè noi, che oltre a dover ben capire se “la macchina ormonale” che controlla la riproduzione funziona bene, dobbiamo sempre tenere ben di conto tutti i sistemi ormonali che pur non agendo direttamente sulla riproduzione, possono rappresentare un valido supporto o al contrario un grosso problema alla riproduzione.

Oltre a dover ben capire se “la macchina ormonale” che controlla la riproduzione funziona bene, dobbiamo sempre tenere ben di conto tutti i sistemi ormonali

La risultante di questa osservazione è che solo l’equilibrio perfetto tra mondo endocrino funzionale e fisiologico della biologia femminile e quello metabolico permettono che la riproduzione si realizzi. Quando questo equilibrio si altera, la riproduzione subisce non pochi traumi e la funzione endocrina della riproduzione si perde o si rende anomala, impedendo quasi a ragion veduta, la possibilità di concepire. E’ questo il caso delle amenorree dovute allo stress fisico, come alle anoressie o da rapide riduzioni del peso corporeo, ma questo accade anche per situazioni diametralmente opposte quale il sovrappeso o l’obesità, come nelle PCOS.

I latini dicevano saggiamente che “in medio stat virtus”, l’equilibrio è oggettivamente la perfezione e esagerare nel basso peso come nel peso esagerato non aiuta certamente. La PCOS, una delle sindromi endocrine che maggiormente alterano la capacità riproduttiva, è da tempo ormai segnata da una alta percentuale, fino al 60-70%, di incidenza di iperinsulinemia che nel tempo porta ad una alta incidenza, in età adulta, di diabete tipo II. Questa iperinsulinemia, che è di compenso, porta effetti specifici sulla riproduzione e sul controllo della funzione ovarica alterando i livelli di androgeni, di estrogeni e di conseguenza l’ovulazione. Quando queste donne rimangono gravide, spesso perché hanno migliorato o risolto la loro alterazione metabolica e la iperinsulinemia, se non si persevera nel controllo e nella buona gestione del metabolismo, si ha un forte rischio di insorgenza di diabete gestazionale (DG). Ma quale è il problema? il problema nasce dal fatto che una parte di quelle che hanno alterazioni della insulino sensibilità (e quindi hanno una iperinsulinemia) bene o male funzionano in termini ovulatori e nonostante in sovrappeso rimangono gravide (senza sapere di avere una iperinsulinemia) e questo sapete bene che apre le porte ad una quota non bassa di rischio di sviluppare un diabete gestazionale. Queste, di fatto, sono pazienti a cui non è stata mai fatta quasi mai una valutazione della loro funzione metabolica e che il ginecologo si ritrova gravida con lo spauracchio che col progredire della gravidanza si incorra negli elementi dell DG con magari ipertensione e poi polidramnios, macrosomia o come dicono gli anglosassoni bimbi Large for Gestational Age (LGA).

I livelli della GCD59 tra la 24°-28° settimana di gestazione identificano le gravide col rischio di DG con una sensibilità e specificità superiore a qualsiasi altro indicatore.

Ebbene, recentemente è stato pubblicato uno studio molto interessante sulla importanza del dosaggio della proteina CD59 glicata (GCD59). Questa proteina glicata sarebbe un rilevante indice e marker per la diagnosi di DG con grande anticipo, assai migliore rispetto ad altri sistemi. Lo studio in questione (1) dimostra che i livelli della GCD59 tra la 24°-28° settimana di gestazione identificano le gravide col rischio di DG con una sensibilità e specificità superiore a qualsiasi altro indicatore. Questa proteina CD59 è un inibitore del complemento ed è inattivata dagli livelli alti di glicemia che la portano ad essere glicata (GCD59). Questa glicazione riduce gli effetti protettivi che la CD59 ha sull’attivazione del complemento e questo deficit funzionale partecipa ad innescare i processi che portano ai danni di nefropatia, neuropatia e retinopatia, tipici del paziente diabetico, come pure delle alterazioni degli eventi legati alla coagulazione e favorenti l’innesco dei danni endoteliali che porterebbero anche alla ipertensione.

Nello studio sono state considerate un gruppo di 1000 donne gravide tra la 24° e 28° settimana di gravidanza. 500 donne avevano un challange test con glucosio (GCT con 50 mg) normale mentre le altre 500 lo avevano anormale e per questo avevano eseguito anche un test da carico orale di glucosio (OGTT con 75 gr). Ben 127 di queste pazienti hanno avuto una risposta all’OGTT da diabete gestazionale.

A tutte le 1000 pazienti è stato anche dosato il GCD59. Quando si è andati a valutare quanto fosse penetrante, sensibile e specifico il dosaggio del GCD59 rispetto a donne gravide con GCT normale, si è osservato che le pazienti che avevano il GCT alterato mostravano dei livelli di GCD59 8.5 volte più alto mentre il sottogruppo di queste con diagnosi di diabete gestazionale dopo OGTT (che erano 127) mostravano un GCD50 ben 10 volte più alto rispetto ai controlli. E queste differenze rimanevano evidenti anche quando i risultati erano stati aggiustati per età materna, BMI, etnia, storia di diabete.

Una grande osservazione quindi, ma più che altro una grande dimostrazione di come una semplice proteina, parte integrante del meccanismo del complemento della coagulazione, possa da un lato innescare delle modifiche del sistema di cui fa parte e che portano poi a gravi alterazioni di organi e sistemi ma che dall’altro, se ricercata, segnala anzitempo un rischio certo di patologia in corso della gravidanza.

L’ennesima dimostrazione del legame stretto tra endocrinologia, ginecologia e ostericia.

Prof. Alessandro D Genazzani

Referenze

  1. Ghosh P, Luque-Fernandez MA, Vaidya A, Ma D, Sahoo R, Chorev M, Zera C, McElrath TF, Williams MA, Seely EW, Halperin JA. Plasma Glycated CD59, a Novel Biomarker for Detection of Pregnancy-Induced Glucose Intolerance.

Il trattamento del dolore pelvico cronico

{ITA} Il dolore pelvico cronico (CPP) è un dolore ricorrente o costante all’addome inferiore che dura da almeno 6 mesi. Possibili cause vanno dalla sindrome del colon irritabile (50-80% dei casi), a disturbi urologici (tra cui cistite interstiziale, 5-10% dei casi), all’endometriosi e aderenze pelviche (circa 5% dei casi). In circa la metà dei casi ci si può trovare davanti a cause concomitanti.
Si deve quindi sempre partire da una corretta diagnosi delle diverse componenti di CPP presenti in quella specifica paziente. Bisogna poi focalizzarsi alla comprensione di quali meccanismi si sono alterati, se solo periferici o anche centrali, per capire se quella specifica paziente possa beneficiare anche da un trattamento psicologico/psicoattivo. Il trattamento del CPP spiegato in questa review narrativa deve essere sempre multidisciplinare, può essere o comportamentale/medico o chirurgico o combinato e non si deve focalizzare irrimediabilmente sulla rimozione chirurgica della presunta causa di CPP, soprattutto in patologie complesse quali l’endometriosi.

{ENG} Chronic Pelvic Pain (CPP) is a recurrent or constant pain in the lower abdomen that lasts for at least 6 months. Possible causes range from irritable bowel syndrome (50-80% of cases), to urological disorders (including interstitial cystitis, 5-10% of cases), to endometriosis and pelvic adherence (about 5% of cases). In about half of the cases concomitant multiple causes are found. Therefore, it is always necessary to start with a proper diagnosis of the various CPP components present in the specific subject. Then it is important to focus on understanding which mechanisms have been altered, if only peripheral or even central, to understand whether the specific subject can also benefit from psychological/psychoactive treatments. The treatment of the CPP explained in this narrative review must always be multidisciplinary, be either behavioral/medical or surgical or combined and it should not irreparably focus on the surgical removal of the presumed CPP cause, especially in complex diseases such as endometriosis.

Abstract selezionati

  • Christian M. Becker, William T. Gattrell, Kerstin Gude, Sukhbir S. Singh

    Reevaluating response and failure of medical treatment of endometriosis: a systematic review
    Fertil Steril 2017;108:125–36.
    Download

  • Rene Ecochard, Thomas Bouchard, Rene Leiva, Saman Abdulla, Olivier Dupuis, Olivia Duterque, Marie Garmier Billard, Hans Boehringer, Christophe Genolini
    Characterization of hormonal profiles during the luteal phase in regularly menstruating women
    Fertil Steril 2017;108: 175–182

  • Nanette Santoro, Sybil L. Crawford, Samar R. El Khoudary, Amanda A. Allshouse, Sherri-Ann Burnett-Bowie, Joel Finkelstein, Carol Derby, Karen Matthews, Howard M. Kravitz, Sioban D. Harlow, Gail A. Greendale, Ellen B. Gold, Rasa Kazlauskaite, Dan McConnell, Genevieve Neal-Perry, Jelena Pavlovic, John Randolph, Gerson Weiss, Hsiang-Yu Chen, Bill Lasley
    Menstrual Cycle Hormone Changes in Women Traversing Menopause: Study of Women’s Health Across the Nation
    J Clin Endocrinol Metab (2017) 102 (7): 2218-2229.

  • Xue Jiao, Huihui Zhang, Hanni Ke, Jiangtao Zhang, Lei Cheng, Yixun Liu, Yingying Qin, Zi-Jiang Chen
    Premature Ovarian Insufficiency: Phenotypic Characterization Within Different Etiologies
    J Clin Endocrinol Metab (2017) 102 (7): 2281-2290. Download

  • Ana Maria Sanchez, Valeria Stella Vanni, Ludovica Bartiromo, Enrico Papaleo, Eran Zilberberg, Massimo Candiani, Raoul Orvieto, Paola Viganò
    Is the oocyte quality affected by endometriosis? A review of the literatureJournal of Ovarian Research (2017) 10:43
    Download

  • Eser Sefik Ozyurek, Tevfik Yoldemir, Gokhan Artar
    Androstenedione response to recombinant human FSH is the most valid predictor of the number of selected follicles in polycystic ovarian syndrome: (a case-control study)Journal of Ovarian Research (2017) 10:34
    Download

In questi mesi si parla di..

Uomini alti e obesi rischiano di più un tumore alla prostata
Il caffè allunga a vita, basta una tazzina al giorno
La proteine «colpevole»
Se parli mentre corri, l’esercizio è moderato. E salvi la salute
Che cosa è e a che cosa serve il magnesio
Il link genetico tra cancro al seno, obesità e diabete di tipo 2
Alzheimer, scoperta la struttura della proteina Tau: svolta per nuovi farmaci
Alzheimer, scoperta la struttura della proteina Tau: svolta per nuovi farmaci
Procreazione assistita, la sfida della ricercatrice italiana: ”Tornata dagli Usa, perché dall’Italia mi aspetto di più’
Procreazione, l’intelligenza artificiale per cercare una gravidanza